Arriva Tastilux: la nuova frontiera del cibo vegetale  

Arriva Tastilux: la nuova frontiera del cibo vegetale

Ad ottobre in Australia, durante la SWSX, la Nourish Ingredients ha presentato il Tastilux, un nuovo grasso di origine vegetale che conferisce un gusto uguale a quello animale, riuscendo dove fino ad ora ogni altra “carne” plant-based aveva fallito.  

credits Nourish Ingredients

La Nourish Ingredients  

Negli ultimi anni “carne” 3D e vegetale sono sempre più spesso protagoniste di enormi polveroni a base di opinione pubblica. Tutto in nome di una filiera gastronomica più sostenibile o, semplicemente, in nome dell’inarrestabile avanguardia tecnologica che non risparmia nemmeno il settore alimentare. 

L’attenzione degli addetti ai lavori sembra sempre più green-oriented, e il plant-based tenta in tutti i modi di sovvertire i consumi eccessivi di carne. Ed ecco che fiere e congressi a tema diventano l’epicentro intellettuale per ricercatori e avanguardisti.  

Nello specifico, dal 15 al 22 ottobre, si è tenuta a Sidney la SWSX 2023; un summit con ospiti creativi, provenienti dai settori tecnologici e innovativi. Ad aprire le danze è stata l’azienda australiana Nourish ingredients, presentando il Tastilux: un grasso 100% vegetale. Ma cerchiamo di capire bene la mission dell’azienda e le funzionalità dell’alimento.  

L’assaggio sperimentale è stato condotto su delle cosce di pollo vegetali. “È come spolpare una coscia di pollo”, ha detto il CEO dell’azienda James Petrie, assaggiando il prodotto per la prima volta sul palco dell’ SXSW. Masticando un boccone si ha finalmente la sensazione di addentare un vero pezzo di pollo, con una “pelle” a base di soia, una polpa a base di glutine e un “osso” commestibile fatto di calcio e Mannitolo. Ma è il grasso il vero deus ex machina. 

Se il focus di molte start up alimentari ruota intorno allo sviluppo di proteine sostitutive alla carne, quello della Nourish Ingredients gravita attorno alla sostituzione dei grassi che enfatizzano la succulenta crosticina che tanto piace agli adepti di Maillard. Dal 2019 si concentra dunque sullo sviluppo di lipidi alternativi, investendo su ricercatori, chef e nuove tecnologie. Un progetto rivolto ad un futuro sostenibile ma anche gustoso. 

credits by Canva

Il Tastilux  

A guidare l’impresa troviamo James Petrie e Anna El Tahchy; ricercatori e scienziati con anni di esperienza maturata presso il centro di ricerca australiano CSIRO.  

Ma perché il Tastilux è così interessante?  

Dopo tre anni di tentativi, il team di ricerca è riuscito a estrarre un grasso simile a quello animale, ma completamente a base vegetale. Per produrre Tastilux, Petrie è andato alla ricerca dei sapori che più si avvicinassero a quelli della carne. Un’indagine che ha trovato la sua conclusione davanti ad un ceppo specifico di funghi australiani.  

“Abbiamo mandato fuori il nostro capo scienziato con una pala… È uscito per raccoglierne un po’. Dopo vari test abbiamo trovato probabilmente una dozzina di ceppi diversi che contenevano questo tipo di grasso”, racconta Petrie al The Guardian. La specie fungina selezionata è anche solitamente impiegata nella produzione di latte artificiale. Nourish ha messo appunto una fermentazione di precisione – un processo che per Petrie è paragonabile alla produzione di birra. Per far sviluppare i suoi lipidi simili a quelli animali, i grassi del fungo vengono poi sottoposti a una “reazione di cottura” per completare la Maillard, responsabile del caratteristico flavour arrostito di carne alla griglia. 

Un possibile futuro  

Sebbene le alternative a base vegetale possano svolgere un ruolo fondamentale nella lotta al riscaldamento globale, sono costose e non sono comunemente apprezzate per il loro sapore. La creazione del Tastilux potrebbe scuotere le fondamenta della produzione di carne vegan conosciuta fino ad oggi.   

Il prodotto non è disponibile nei negozi, in quanto lo si vedrà entrare nel mercato come merce business-to-business. Infatti, le aziende produttrici di proteine alternative potranno scegliere di acquistarlo per dare maggior sapore ai loro alimenti.  

Insomma, il Tastilux è una finestra da cui possiamo intravedere un percorso che va verso un futuro più sostenibile

©Riproduzione Riservata

Condividi la tua passione!
Loris Denti Tarzia
Loris Denti Tarzia

Founder CSB | Cuoco